I luoghi

Teatro Regio

Teatro Regio

Via Garibaldi, 16/a

Il Tempio della Lirica per eccellenza.

In origine Nuovo Teatro Ducale, il Teatro Regio di Parma nasce per volontà della duchessa Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, moglie di Napoleone, inviata a reggere il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla dopo il Congresso di Vienna. Iniziati i lavori nel 1821 su progetto dell’architetto di corte Nicola Bettoli, il Teatro inaugura il 16 maggio 1829 con Zaira, opera di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani.

In stile neoclassico, la facciata è caratterizzata da un colonnato di ordine ionico e da un’ampia finestra termale che si apre nella parte alta. Superato l’atrio, si accede alla Sala del Foyer, scandita da due file di quattro colonne, sul pavimento del quale sono visibili le botole da cui veniva diffuso il riscaldamento. Una scalinata porta alla Sala del Ridotto, dov’era il trono di Maria Luigia, che poteva accedervi direttamente dalle stanze del Palazzo Ducale. Dalla volta dipinta scendono due lampadari a goccia in vetro soffiato e dall’alto si affacciano i matronei che ospitavano le orchestre da ballo. Tornando nel foyer, attraversato il portale d’onore, si entra nel cuore dell’edificio: la sala, con la platea, quattro ordini di palco e il loggione, è sovrastata dal soffitto dipinto da Giovan Battista Borghesi nel quale, disposti in cerchio intorno all’ “astrolampo”, il grande lampadario in bronzo dorato forgiato dalle officine Lacarrière di Parigi, stanno poeti e drammaturghi. Il sipario dipinto, uno dei pochi esempi giunti fino a noi, è anch’esso opera del Borghesi: una popolata allegoria della Sapienza, con Minerva assisa in trono circondata da dèi, ninfe, poeti e muse mostra, nelle sembianze della dea, il ritratto di Maria Luigia. In alto, un orologio “a luce”, che segna l’ora di cinque in cinque minuti, è posto al centro dell’architrave del proscenio, arricchito dai busti dorati di poeti e compositori. L’aspetto della sala oggi è molto diverso dall’originale: nel 1853 il décor in stile neoclassico, progettato da Paolo Toschi è ricoperto dagli stucchi e dalle dorature di Girolamo Magnani (decoratore che Verdi volle spesso al suo fianco in qualità di scenografo) che, su incarico di Carlo III di Borbone, rinnova la veste dell’ormai Teatro Regio secondo lo stile neorinascimentale. Nello stesso anno il nuovo lampadario, ridimensionato nel 1913 per migliorare la visibilità dal loggione, inaugura l’impianto di illuminazione a gas che sostituisce il vecchio sistema con candele e lampade a olio, mentre l’illuminazione elettrica arriverà nel 1890. La camera acustica dipinta da Giuseppe Carmignani, uno fra i rari esempi sopravvissuti all’uso e al tempo, riprende le decorazioni dei palchi e si compone di pannelli di canapa montanti su cornici lignee, componibili telescopicamente per servire le più diverse formazioni orchestrali.

 

In origine il Teatro è destinato ad accogliere i più vari generi di spettacolo, dall’opera alla danza, dalla declamazione poetica alle forme di “arte varia” più diverse (funambolismo e prove ginniche, numeri con animali ammaestrati, dimostrazioni scientifiche, illusionismo, esposizione di “curiosità”). Sin dalla sua inaugurazione è testimone e protagonista dei cruciali cambiamenti che investono il melodramma durante l’Ottocento e il secolo successivo, dalla fine dell’epoca legata al nome di Rossini alla supremazia del repertorio verdiano, dall’apertura alle esperienze francesi e tedesche, all’estrema evoluzione in senso realistico dell’opera italiana con Mascagni, Leoncavallo e Puccini. 

vai al sito >

Teatro Due

Teatro Due

Viale Francesco Basetti, 12/a, 43121 Parma PR

Musica, opere classiche e contemporanee in un palazzo del '900 rimodernato con caffetteria, platea e galleria.

vai al sito >

Shakespeare Cafè

Shakespeare Cafè

Via Goito, 1, 43121 Parma PR

Lo Shakespeare Live Restaurant Cafè si trova in pieno centro storico a Parma e propone cucina tradizionale, musica dal vivo, dj set. Tradizione e Innovazione sono i due aggettivi che meglio descrivono lo spirito di questo originale locale.

vai al sito >

Sala delle Feste - Palazzo Sanvitale

Sala delle Feste - Palazzo Sanvitale

Piazzale Sanvitale, 43121 Parma PR

Il Palazzo Sanvitale è situato nel centro storico di Parma, in piazzale Jacopo Sanvitale 1. A lungo residenza della casata dei Sanvitale, oggi ospita la sede centrale di Banca Monte Parma.

Ridotto del Teatro Regio Di Parma

Ridotto del Teatro Regio Di Parma

Via Giuseppe Garibaldi, 16/a, 43121 Parma PR

Posto nel piano superiore al foyer del Teatro Regio, il Ridotto è attualmente sede di piccoli concerti e rappresentazioni soliste e decorato con affreschi di Giovan Battista Azzi ed Alessandro Cocchi per la volta.  Il Teatro Regio di Parma è il teatro dell'opera della città di Parma ed è considerato uno tra i più importanti teatri di tradizione in Italia grazie alla qualità dei suoi allestimenti, la notorietà dei cantanti e direttori d'orchestra che si sono susseguiti nel corso degli anni.

vai al sito >

Casa della musica

Casa della musica

Piazzale S. Francesco, 1, 43121 Parma PR

Nata nel 2002 per iniziativa del Comune di Parma tra le mura del quattrocentesco Palazzo Cusani – allo scopo di conservare e valorizzare patrimoni documentari della cultura musicale, promuovere la ricerca specialistica e diffonderne le acquisizioni – la Casa della Musica è attiva come centro di produzione dal punto di vista didattico e formativo, realizzando progetti di divulgazione e corsi di perfezionamento musicale, oltre a rassegne concertistiche.

vai al sito >

Associazione Remo Gaibazzi

Associazione Remo Gaibazzi

Borgo Scacchini, 3, 43100 Parma PR

L'Associazione Remo Gaibazzi si è costituita nel 2001 su iniziativa di un gruppo di amici dell'artista, scomparso nel 1994. Essi intendevano da una parte contribuire ad approfondire e a diffondere la conoscenza dell'opera pittorica di Gaibazzi, dall'altra tener vivo, nella misura del possibile, lo spirito che aveva guidato per decenni i suoi interventi critici in tutte le grandi questioni della vita civile cittadina.

 Teatro Europa

Teatro Europa

Via Oradour, 14, 43100 Parma PR

Un luogo di sperimentazione dei linguaggi pertinenti alla scena in cui la pratica teatrale e la ricerca poetica trovano il loro mondo possibile.

vai al sito >