PEDRO MELO ALVES con PEDRO BRANCO + GABRIELE FAVA GROUP

ingresso: Intero € 15,00 / Ridotto € 12,00

richiedi biglietto

artisti

Pedro Branco | chitarra

Pedro Melo Alves | batteria

 

GABRIELE FAVA GROUP

Gabriele Fava | sax tenore

Tommaso Parmigiani | chitarra elettrica

Giancarlo Patris | contrabbasso

Marcello Canuti | batteria

PEDRO MELO ALVES, vincitore del Premio internazionale Gaslini 2019

l duo formato da Pedro Branco, una delle figure più fresche della scena musicale portoghese, e Pedro Melo Alves, batterista di The Rite of Trio e Omniae Ensemble, ha debuttato a dicembre 2018 e ha da subito rivelato una forza musicale imprevedibile e scevra da limiti creativi. In occasione di un loro concerto della scorsa estate, Libero Farnè su “All About Jazz” racconta la performance del “duo dei giovani sperimentatori portoghesi Pedro Melo Alves e Pedro Branco, rispettivamente percussioni e chitarra. Le fitte dinamiche del loro interplay e l’asimmetria delle parabole narrative, fino alle repentine chiusure, si sono basate sulle loro sorprese sonore frastornanti: responsabile di ciò soprattutto l’elettronica del chitarrista, mentre le pelli e i metallofoni del percussionista impersonavano un’anima più greve e ancestrale. Il percorso ha palesato quindi una grana di una naturalezza nuova e “accattivante,” quasi intrisa di un candore esplorativo insolito, configurando un tipico esempio dell’improvvisazione estrema dei nostri giorni”.

 

a seguire

GABRIELE FAVA GROUP

I Can See The Darkness Fall

I Can See The Darkness Fall è il titolo del lavoro discografico, composto da una suite di brani legati da un filo conduttore, e per estensione il nome del progetto artistico di cui fanno parte Gabriele Fava (Sax e Composizioni), Tommaso Parmigiani (Chitarra Elettrica), Giancarlo Patris (Contrabbasso) e Marcello Canuti (Batteria). Il titolo evocativo allude a un'immagine che richiama antichi culti ancestrali con i quali i contadini, che rientravano dal lavoro alla sera, esorcizzavano la paura del buio (una delle paure archetipiche dell’uomo fin dalla notte dei tempi) e dei demoni che con esso si manifestavano. Il progetto nasce da suggestioni inizialmente culturali e antropologiche dal mondo folkloristico contadino dell'Italia del Nord, che hanno trovato una espressione musicale del tutto originale, mescolando influenze folk con la musica colta e il jazz di matrice europea.